Agenzia Spaziale Statale dell'Ucraina - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Agenzia Spaziale Statale dell'Ucraina.

Agenzia Spaziale Statale dell'Ucraina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L’Agenzia spaziale ucraina (in ucraino Національне космічне агентство України o Natsional'ne kosmichne ahentstvo Ukrayiny o НКАУ NKAU o in inglese National Space Agency of Ukraine NSAU) è l'agenzia responsabile in Ucraina del programma spaziale nazionale.

La NSAU è una struttura civile che coordina le installazioni governative, la ricerca e le industrie (in buona parte statali). Molti istituti che si occupano dell'ambito spaziale sono sotto il controllo diretto della NSAU. Tuttavia non è un sistema centralizzato e unitario che partecipa a tutte le componenti del processo spaziale (come la NASA per esempio). Inoltre è assente una componente militare.

L'agenzia si occupa di programmi con lanciatori e satelliti artificiali grazie a delle cooperazioni con l'Agenzia spaziale russa, l'Agenzia Spaziale Europea, la NASA e con soggetti commerciali. Le partecipazioni internazionali includono lanci con piattaforme in mare e il sistema di posizionamento Galileo.

I lanci si svolgono nel cosmodromo di Bajkonur in Kazakistan, nel cosmodromo di Pleseck e su piattaforme in mare. L'agenzia ha una base di controllo orbitale a Eupatoria in Crimea.

I velivoli spaziali includono i satelliti di osservazione terrestre Sich e Okean e l'osservatorio solare Coronas in collaborazione con la Russia. L'Agenzia spaziale ucraina ha fornito alla Russia lanciatori e satelliti militari, una collaborazione unica al mondo per un settore così strategico come quello della difesa.

L'Agenzia ucraina e la NASA stanno per firmare un accordo per il lancio di una missione senza equipaggio sulla Luna utilizzando un lanciatore Dnepr nel 2006 o 2007

Altri progetti

Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Agenzia Spaziale Statale dell'Ucraina
Listen to this article