Andrej Nikolaevič Mironov - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Andrej Nikolaevič Mironov.

Andrej Nikolaevič Mironov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrej Mironov
Andrej Mironov

Andrej Nikolaevič Mironov (in cirillico: Андрей Николаевич Миронов; trasl. angl.: Andrei Nikolaevich Mironov; Irkutsk, 31 marzo 1954Slov"jans'k, 24 maggio 2014) è stato un giornalista russo, ex-dissidente e prigioniero politico sovietico, e in seguito attivista per i diritti umani.

Biografia

Oppositore politico nel suo paese, nel 1985 fu arrestato dalla polizia segreta Kgb con l'accusa di aver criticato il governo - in particolare riguardo all'invasione dell'Afghanistan - e la mancanza di democrazia nell'URSS.

Fu condannato a quattro anni di detenzione e tre di esilio interno per propaganda sovversiva antisovietica. Fu liberato nel 1986 quando, a seguito dell'incontro tra il presidente statunitense Ronald Reagan e quello sovietico Gorbaciov, si decise la scarcerazione di 140 detenuti.

Nel 1991 iniziò a lavorare come giornalista nel campo dei diritti umani, operando in Nagorno Karabakh, Tagikistan, Cecenia e Afghanistan, e organizzando incontri tra rappresentanti ceceni e deputati russi per una soluzione pacifica del conflitto.

Il 3 luglio 2003 fu aggredito e gravemente ferito a Mosca, e successivamente curato in Germania e Italia.

Rimase ucciso a Sloviansk, in Ucraina, nel maggio del 2014, insieme al fotoreporter italiano Andrea Rocchelli, mentre documentavano gli scontri armati nell'Ucraina orientale[1].

Note

Controllo di autoritàVIAF (EN308749244 · ISNI (EN0000 0004 3452 0100 · GND (DE1052163203 · WorldCat Identities (EN308749244
Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Andrej Nikolaevič Mironov
Listen to this article