Costantino Ypsilanti - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Costantino Ypsilanti.

Costantino Ypsilanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sugli argomenti militari greci e nobili non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti.
Constantinos Ypsilanti
Constantinos Ypsilanti

Costantinos Ypsilanti (in greco: Κωνσταντίνος Υψηλάντης; Costantinopoli, 1760Kiev, 24 giugno 1816) è stato un condottiero greco, ospodaro di Moldavia.

Biografia

Invischiato in una cospirazione per liberare la Grecia, appena scoperto, si rifugiò a Vienna, ma perdonato dal sultano nel 1799 venne dallo stesso nominato ospodaro di Moldavia. Deposto nel 1805, si rifugiò a San Pietroburgo e nel 1806, alla testa di un esercito di 30.000 russi, s'impadronì di Bucarest e si batté nuovamente per l'indipendenza greca.

La successiva pace di Tilsit 1807 in base alla quale la Russia rinunciava alla occupazione della Moldavia e della Valacchia accordandosi con Napoleone, ridusse a nulla le sue speranze di indipendenza dei greci.

Ritornò in Russia e morì a Kiev, dove prestò servizio come comandante della fortezza di Pechersk fino al 1807.

Lasciò cinque figli, due dei quali giocarono un ruolo rilevante nella Guerra di indipendenza greca: Alexandros e Demetrios.

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN5804706 · ISNI (EN0000 0000 4789 0224 · LCCN (ENno2004055228 · GND (DE122073029 · CERL cnp00567857 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004055228
Portale Biografie Portale Storia
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Costantino Ypsilanti
Listen to this article