For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Le Garzantine.

Le Garzantine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Garzantine sono una collana di enciclopedie generali e tematiche edite dalla Garzanti. La collana, concepita dall'editore Livio Garzanti, è stata inaugurata nel 1962 con la prima edizione dell'Enciclopedia Universale[1]. Considerata all'epoca una collana innovativa, fu contrapposta a enciclopedie considerate meno "flessibili" come la Treccani o l'Europea[2].

L'Enciclopedia Universale

La prima e più nota edizione della serie fu la celebre Garzantina Universale, pubblicata per la prima volta nell'aprile 1962, in due volumi (vol. I: A-K; vol. II: L-Z) al prezzo, all'epoca assai modico per un'opera enciclopedica, di 2500 lire. L'opera includeva 52.000 voci, 3000 illustrazioni e cinque supplementi sulla grammatica italiana, le locuzioni e gli aforismi celebri, l'indice delle grandi opere letterarie e musicali, la produzione mondiale e i primati dello sport.

Da subito pubblicizzata come "l'enciclopedia per tutti", l'iniziativa fu subito un grande successo, arrivando negli anni a divenire un bestseller del settore, con più di 7 milioni di copie, e generando nuove opere collaterali, che costituirono poi la serie delle Garzantine.[3]

La più recente versione dell'Enciclopedia Universale è aggiornata al novembre 2015.[3]

Le Enciclopedie tematiche

Oltre all'Enciclopedia Universale sono state pubblicate 34 enciclopedie tematiche nella collana Le Garzantine[4]:

Abbinamenti editoriali

Nel 2005 le Garzantine sono state vendute in abbinamento con TV Sorrisi e Canzoni.

Fra la fine del 2006 e il 2007 sono state vendute in abbinamento con il Corriere della Sera[5].

Fra la fine del 2008 e il 2009 sono state abbinate a La Gazzetta dello Sport.

Note

  1. ^ Garzantine, su italica.rai.it, rai.it. URL consultato il 4 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2007).
  2. ^ marketingroutes.com. URL consultato il 4 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  3. ^ a b Scheda sul sito della Garzanti, su garzanti.it. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  4. ^ Pagina dedicata alla collana, su garzantilibri.it. URL consultato il 4 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2007).
  5. ^ Piano dell'opera sul sito del Corriere, su corriere.it. URL consultato il 4 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2007).
Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Le Garzantine
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.