For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Maurizio Mattioli.

Maurizio Mattioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maurizio Mattioli alla festa del Quarticciolo nel 2014
Maurizio Mattioli alla festa del Quarticciolo nel 2014

Maurizio Mattioli (Gorga, 3 giugno 1950) è un attore, doppiatore e comico italiano.

Carriera

La sua carriera cinematografica inizia presto, con alcune interpretazioni minori già negli anni settanta, arrivando complessivamente a circa 90 film interpretati per il grande schermo. Interpreta spesso la figura del romano di periferia, rozzo e cialtrone. In anni più recenti ha dato vita a personaggi di cafone arricchito, come nel film Un'estate ai Caraibi in cui interpreta un faccendiere che sfrutta il suo segretario. Dopo aver recitato a teatro in Un paio d'ali nel 1997 e in Rugantino nel 1998, ha interpretato il ruolo di Alberto Dominici nelle quattro stagioni della fiction Un ciclone in famiglia, e quello di Augusto Cesaroni, nella prima, quinta e sesta serie de I Cesaroni.

Tra le sue altre interpretazioni, quella di Nino Diamanti in Anni '60. In televisione ha dato vita a diverse parodie, tra le quali quella di Bill Clinton e di vari altri personaggi negli spettacoli del Bagaglino, della cui compagnia ha fatto parte per molti anni. Ha doppiato numerosi personaggi in cartoni animati e film di animazione, tra cui Z la formica e La gang del bosco, e dal 2007 presta la voce al personaggio di Dog Chapman, nella serie Dog the Bounty Hunter, trasmessa in Italia sul canale Gxt della piattaforma Sky. Dal 1998 per le successive tre edizioni messe in scena fa parte del cast teatrale di Rugantino. Nel luglio 2014 ha ricevuto il riconoscimento speciale Leggio d'oro Alberto Sordi[1].

Vita privata

Il 16 ottobre 2014 venne a mancare sua moglie Barbara Divita, rimasta paralizzata per un incidente stradale avvenuto sette anni prima[2]. La coppia era sposata dal 1977 e non aveva avuto figli[3].

Procedimenti giudiziari

Nel 1995 venne arrestato per spaccio di cocaina; rimase un mese detenuto nel carcere di Poggioreale a Napoli. Nel 1996 è stato rinviato a giudizio[4]; al termine del processo fu tuttavia assolto dalle accuse[5].

Filmografia

Cinema

Televisione

Doppiaggio

Film cinema

Film d'animazione

Telefilm

Reality show

Soap opera e telenovelas

Serie animate

Teatro

Attore

  • Il magnifico cornuto, regia di Enrico Maria Salerno (1979)
  • Rugantino, regia di Enrico Brignano (2010)
  • Il Conte Tacchia, di Toni Fornari, regia di Gino Landi (2015)
  • E qua so' io!... Un Maurizio di nome Fabrizi, testo e regia di Giuseppe Manfridi (2016)
  • Paìno e Proietti er Cravattaro, regia di Claudio Fabi (2017)
  • One man show, (2017)
  • Era ora, regia di Stefano Reali (2017)

Note

  1. ^ Il Palmarès 2014, su leggiodoro.it. URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  2. ^ Maurizio Mattioli in lutto, è morta la moglie Barbara, su ansa.it, 16 ottobre 2014. URL consultato il 28 maggio 2015.
  3. ^ Maurizio Mattioli in lacrime a Verissimo: "Sono distrutto per la morte di mia moglie" - LaNostraTv, su lanostratv.it. URL consultato il 25 settembre 2018.
  4. ^ Giovznni Marino, Traffico di cocaina, a giudizio attori e vip, su ricerca.repubblica.it, 4 gennaio 1996.
  5. ^ Maurizio Mattioli, uno degli ultimi veri caratteristi italiani si racconta. Dall’arresto nel 1995 alla Fenech: “Durante le scene sexy, il set era invivibile”, su ilfattoquotidiano.it, 2 agosto 2018. URL consultato il 27 febbraio 2019.

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN90388492 · SBN UBOV949076 · WorldCat Identities (ENviaf-90388492
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Maurizio Mattioli
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.