Pasquale Errichelli - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Pasquale Errichelli.

Pasquale Errichelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sull'argomento musicisti italiani non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.

Pasquale Errichelli, o Erichelli, o Enrichelli (forse Napoli, 1730Napoli, dopo il 1775), è stato un compositore italiano.

Dopo la sua formazione al Conservatorio della Pietà dei Turchini, nel 1747 fu nominato organista presso la Cappella del Tesoro di San Gennaro; nel 1763 avanzò alla carica di organista del primo coro. Tra il 1753 e il 1758 mise mise in scena per i teatri napoletani e romani parecchie opere, sia serie che buffe. Nel 1771 insieme a Giacomo Insanguine terminò l'Eumene, lasciata incompiuta da Gian Francesco de Majo che morì l'anno prima. Infine nel 1775 fu maestro di cappella a Sulmona, suo ultimo piego noto.

Tra i suoi lavori teatrali si ricorda la sua prima opera seria, l'Issipile, la quale fu descritta dal famoso architetto Luigi Vanvitelli come il miglior esempio di imitazione dello stile di Hasse.

Composizioni

Opere

Altra musica vocale

  • Messa in re maggiore per 4 voci e orchestra
  • Gerosolina protetta (oratorio, 1778, Chieti)
  • Cantata spirituale per 3 voci e orchestra
  • Eccomi solo al fine (cantata per 2 voci e strumenti)
  • Misero pargoletto (aria per soprano e strumenti)
  • Saprei morir costante (aria per soprano e orchestra)
  • Altre arie

Musica strumentale

  • Sinfonia in re maggiore e orchestra
  • 2 sonate a tre (in re maggiore, in fa maggiore) per 2 flauti e basso continuo
  • Sonata in do maggiore per violino e basso continuo
Controllo di autoritàVIAF (EN98995536 · ISNI (EN0000 0000 6879 0548 · BNF (FRcb15586822b (data) · WorldCat Identities (EN98995536
Portale Biografie Portale Musica classica
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Pasquale Errichelli
Listen to this article