For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Santuario di Sant'Ignazio.

Santuario di Sant'Ignazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Santuario di Sant'Ignazio
Santuario sant ignazio.jpg
Stato
Italia
 
Italia
RegionePiemonte
LocalitàPessinetto
Coordinate45°16′40.8″N 7°26′28.3″E / 45.278°N 7.441194°E45.278; 7.441194
Religionecattolica
Arcidiocesi Torino
Inizio costruzione1629
Sito webwww.santuariosantignazio.it/

Il santuario di Sant'Ignazio è un santuario cattolico, dedicato a Sant'Ignazio di Loyola, situato a 931 metri[1] sul livello del mare nelle valli di Lanzo, nella città metropolitana di Torino. È costruito sulla sommità del monte Bastia, in comune di Pessinetto.

Storia

Il santuario fu costruito a partire dal 1629[2] per ricordare alcuni miracoli attribuiti all'intervento di Sant'Ignazio di Loyola. Tra questi può essere ricordata la protezione accordata agli abitanti della zona contro un'invasione di lupi che terrorizzava in quegli anni le valli di Lanzo e che costò la vita non solo a numerosi capi di bestiame ma anche ad alcuni bambini, che vennero divorati dagli animali. Dopo la scelta della collocazione del santuario il Santo comparve inoltre proprio sul monte Bastia ad una coppia di Tortorello, fatto che fu interpretato come la conferma della collocazione dell'edificio.[3] Un testo appartenente alle «Litterae Annuae Collegii Taurinensis (1578-1629)» afferma che la prima pietra dell'edificio venne posata dalla “Serenissima Principessa” Margherita di Savoia.

La prima cappella costruita sulla cima del monte si rivelò ben presto insufficiente all'affluenza dei fedeli così che gli abitanti del luogo donarono la cima della montagna alla compagnia di Gesù, che ampliò l'edificio sacro inglobando al suo interno la roccia che costituisce la cima del monte Bastia. Dopo lo scioglimento della compagnia di Gesù, avvenuto nel 1773, l'edificio passò al demanio sabaudo che lo cedette all'Arcidiocesi di Torino nel 1789. Da allora oltre che alla devozione popolare degli abitanti della zona il santuario è stato principalmente destinato a casa per esercizi spirituali, rivolti in particolare al clero torinese.

A tali esercizi spirituali parteciparono i principali santi torinesi dell'Ottocento tra i quali San Giovanni Bosco, San Giuseppe Cafasso, San Leonardo Murialdo e il Beato Allamano.[4]

Accesso al santuario

Il santuario visto dal cortile inferiore
Il santuario visto dal cortile inferiore
Il santuario visto dalla vicina frazione Tortore
Il santuario visto dalla vicina frazione Tortore
Dal versante opposto, comune di Mezzenile
Dal versante opposto, comune di Mezzenile

Il santuario è accessibile tramite una stradina che lo collega alla sottostante frazione Tortore, dalla quale si può scendere verso Pessinetto o verso Lanzo Torinese.

Al santuario si può inoltre arrivare a piedi seguendo vari sentieri con partenza ad esempio da Germagnano[5] o dalla frazione di Losa (Pessinetto).[6].

Eventi

Il 31 luglio, giorno della morte del santo titolare, si celebra al santuario la festa di Sant'Ignazio. Oltre alle celebrazioni religiose sono in genere previsti un pranzo, esecuzione di brani musicali, una processione e, nei giorni che seguono, la benedizione dei bambini ed attività rivolte alle famiglie.[7]

Il 31 luglio l'arcidiocesi di Torino organizza inoltre un pellegrinaggio al santuario, che si svolge in parte a piedi.[8]

Note

  1. ^ Istituto Geografico Centrale, carta in scala 1:50.000 Valli di Lanzo e Moncenisio
  2. ^ Memorie storiche, Luigi Cibrario, ed. Eredi Botta, Torino, 1868
  3. ^ Storia, scheda on-line sul sito del santuario www.santuariosantignazio.it
  4. ^ Santuario di Sant'Ignazio, scheda sul sito del comune di Pessinetto www.comune.pessinetto.to.it
  5. ^ Momello (Monte) da Germagnano e il Santuario di S.Ignazio , vedi www.gulliver.it/itinerario/47783
  6. ^ Serena (Punta) anello da Losa, per Chiaves, Tortore e Santuario S.Ignazio, vedi www.gulliver.it/itinerario/49452
  7. ^ Festa di Sant'Ignazio, scheda su www.santuariosantignazio.it
  8. ^ Pellegrinaggio al santuario diocesano di Sant’Ignazio Giovedì 31 luglio 2014, sito della parrocchia di Borgaretto (parrocchiaborgaretto.altervista.org Archiviato il 23 luglio 2015 in Internet Archive.)

Bibliografia

  • Rapporti tra il santuario di Sant'Ignazio a Pessinetto e la cappella di Loreto a Lanzo, Antonio Bellezza-Prinsi, Società Storica della Valli di Lanzo, anno 1977
  • Descrizione dei santuarii del Piemonte più distinti per l'antichità della loro venerazione e per la sontuosità dei loro edifizii, volume primo, pagg. 72-75; Modesto Vittorio Paroletti, ed. Reycend, 1822
  • Il Santuario di Sant'Ignazio presso Lanzo: religiosità, vita ecclesiale e devozione ; (1622 - 1991), ed. Alzani, 1992

Voci correlate

{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Santuario di Sant'Ignazio
Listen to this article

This browser is not supported by Wikiwand :(
Wikiwand requires a browser with modern capabilities in order to provide you with the best reading experience.
Please download and use one of the following browsers:

This article was just edited, click to reload
This article has been deleted on Wikipedia (Why?)

Back to homepage

Please click Add in the dialog above
Please click Allow in the top-left corner,
then click Install Now in the dialog
Please click Open in the download dialog,
then click Install
Please click the "Downloads" icon in the Safari toolbar, open the first download in the list,
then click Install
{{::$root.activation.text}}

Install Wikiwand

Install on Chrome Install on Firefox
Don't forget to rate us

Tell your friends about Wikiwand!

Gmail Facebook Twitter Link

Enjoying Wikiwand?

Tell your friends and spread the love:
Share on Gmail Share on Facebook Share on Twitter Share on Buffer

Our magic isn't perfect

You can help our automatic cover photo selection by reporting an unsuitable photo.

This photo is visually disturbing This photo is not a good choice

Thank you for helping!


Your input will affect cover photo selection, along with input from other users.