Scotophilus - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Scotophilus.

Scotophilus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scotophilus
Specie non identificata di Scotophilus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Tribù Nycticeiini
Genere Scotophilus
Leach, 1821
Specie

Vedi testo

Scotophilus (Leach, 1821) è un genere di pipistrelli della famiglia dei Vespertilionidi.[1]

Etimologia

L'epiteto generico deriva dalla combinazione delle due parole greche σκοτος-, oscurità e -φίλος, amico.

Descrizione

Dimensioni

Al genere Scotophilus appartengono pipistrelli di medie dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 60 e 117 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 42 e 88 mm, la lunghezza della coda tra 40 e 65 mm e un peso fino a 22 g.[2]

Caratteristiche craniche e dentarie

Il cranio è robusto, con una cresta sagittale ben sviluppata. Gli incisivi superiori sono grandi e ben sviluppati. I molari hanno la disposizione delle cuspidi a W incompleta.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 1 1 1 1 1 3
3 2 1 3 3 1 2 3
Totale: 30
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto

Il corpo è robusto. Le parti superiori sono generalmente bruno-giallastre, mentre quelle ventrali possono variare dal giallo-brunastro al bianco. In alcune forme esistono due fasi distinte della colorazione. La testa è grande, il muso è largo, con due masse ghiandolari sui lati. Le narici sono semplici e si aprono leggermente verso l'esterno. Le orecchie sono corte, triangolari, ben separate tra loro e smussate. Il trago è grande, lungo e falciforme, l'antitrago è ben sviluppato. I piedi sono relativamente grandi, mentre il calcar è robusto e provvisto di un lobo terminale spesso poco sviluppato. La coda è lunga e si estende leggermente oltre il margine esterno dell'uropatagio.

Distribuzione e habitat

Il genere è diffuso in gran parte dell'Africa subsahariana, in Madagascar e nelle Isole Mascarene (Riunione), in Asia dal Medio Oriente fino alle Filippine e all'isola di Sulawesi.[3]

Tassonomia

Il genere comprende 18 specie:[1]

Note

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Scotophilus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ Novak, 1999.
  3. ^ a b Goodman SM, Jenkins RKB & Ratrimomanarivo FH, A review of the genus Scotophilus (Mammalia, Chiroptera, Vespertilionidae) on Madagascar, with the description of a new species (PDF), in Zoosystema, vol. 27, nº 4, 2005, pp. 867-882 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2006).
  4. ^ Goodman SM, Ratrimomanarivo FH, and Randrianadrianina FH, A new species of Scotophilus (Chiroptera: Vespertilionidae) from western Madagascar, in Acta Chiropterologica, vol. 8, nº 1, 2006, pp. 21–37.

Bibliografia

  • Novak RM, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999, ISBN 978-0-8018-5789-8.

Altri progetti

Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Scotophilus
Listen to this article