Venanzio Lupacchini - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Venanzio Lupacchini.

Venanzio Lupacchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Venanzio Lupacchini (Collimento di Lucoli, 19 maggio 1730L'Aquila, 20 ottobre 1775) è stato un medico e letterato italiano.

Biografia

Lupacchini nacque nel 1730 a Lucoli da una famiglia umile, che non intendeva farlo studiare; egli, allora, fuggì all'Aquila, dove compì i suoi primi studi letterari, per poi trasferirsi a Napoli, dove studiò medicina con il professor Francesco Serao e lettere classiche con Giacomo Martrelli.[1] Tornò poi all'Aquila, dove gli fu assegnata una cattedra di greco antico e una di diritto naturale e dove diventò prima preside delle Regie Scuole e poi direttore del Real Collegio.[2] Nell'estate del 1774 fu morso da un suo cane domestico, ma solo dopo quasi un anno iniziò a mostrare i segni della rabbia; ormai in fin di vita, decise di partire alla volta del Santuario doi San Domenico a Cocullo per ricevere la grazia, ma giunto a Fontecchio il 3 ottobre 1775 ordinò di essere riportato all'Aquila, dove morì pochi giorni più tardi.[3]

Ricerca e Opere

Delle sue opere, molte delle quali rimaste inedite, si ricordano:

  • Consulto Medico, scritto in qualità di medico personale e amico per lo storico Anton Ludovico Antinori;
  • Litterata marmora Aquilae et in vicina eius extantia, raccolta epigrafica;
  • La rettorica;
  • Le poesie;
  • L’Epistolario;
  • una serie di ricerche sul medico latino Aulo Cornelio Celso.[4]

Note

Bibliografia

Controllo di autoritàVIAF (EN223148207679600340750 · WorldCat Identities (EN223148207679600340750
Portale Biografie Portale Medicina
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Venanzio Lupacchini
Listen to this article