Jean-Rodolphe Perronet - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Jean-Rodolphe Perronet.

Jean-Rodolphe Perronet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean-Rodolphe Perronet
Jean-Rodolphe Perronet

Jean-Rodolphe Perronet (Suresnes, 27 ottobre 1708Parigi, 27 febbraio 1794) è stato un architetto e ingegnere francese noto per la progettazione di diversi ponti in muratura, in particolare il pont de la Concorde a Parigi (1787).

Biografia

Nato a Suresnes, un sobborgo di Parigi, figlio di una guardia svizzera al servizio del re di Francia, all'età di 17 anni divenne apprendista di Jean Beausire, "primo architetto" della città di Parigi. Gli fu affidata la progettazione e la costruzione delle grandi fogne di Parigi, i lavori per i lungo Senna e la manutenzione delle strade delle periferie. Nel 1735 fu nominato sous-ingénieur (vice ingegnere) ad Alençon e nel 1736 entrò nel Corps des ponts et chaussées. Nel 1737, divenne capo ingegnere di Alençon.

Busto di Jean-Rodolphe Perronet, 1785, di Jean-Baptiste Pigalle. Victoria and Albert Museum, Londra
Busto di Jean-Rodolphe Perronet, 1785, di Jean-Baptiste Pigalle. Victoria and Albert Museum, Londra

Nel 1747, Perronet fu nominato direttore del Bureau des dessinateurs du Roi (ufficio reale dei progettisti), che aveva anche appena incaricato Daniel-Charles Trudaine di produrre mappe e progetti per il regno. Questa prima École des ponts et chaussées aveva sede presso l'Hôtel Libéral Bruant a Parigi. A Perronet venne affidato il compito di formare ingegneri specializzati nella costruzione di ponti e strade e di supervisionare il loro lavoro nelle généralité in cui lavoravano. Il Bureau divenne il Bureau des élèves des ponts et chaussées, poi nel 1775 ribattezzato École des ponts et chaussées. Organizzatore, ispiratore e insegnante, Perronet fu un vero padre spirituale per i suoi allievi e utilizzò un nuovo metodo di insegnamento che sembra molto contemporaneo agli occhi moderni. Durante questo periodo divenne amico del costruttore di ponti svizzero Charles Labelye.

Nel 1763 venne nominato premier ingénieur du roi e, nel 1765, divenne membro della Académie des sciences. Oltre ai suoi ponti, tra il 1747 e il 1791, furono creati e riparati 2500 km. di strade sotto la sua direzione. Contribuì, con la voce Pompe à feu (autopompa antincendio) all'Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers .[1]

Nel 1772, fu eletto membro straniero dell'Accademia reale svedese delle scienze. Morì a Parigi dopo essere stato eletto Fellow of the Royal Society nel 1788.[2]

Opere

Doppio ritratto dell'architetto Jean-Rodolphe Perronet con sua moglie di Alexander Roslin (1759), Gothenburg Museum of Art
Statua monumentale di Jean-Rodolphe Perronet di Adrien Étienne Gaudez

Note

Bibliografia

  • (FR) Guy Coriono, 250 ans de l’École des Ponts en cent portraits, Paris, Presses de l’École nationale des Ponts et Chaussées, 1997, p. 37 and following.
  • (FR) M. Guillot, "Un destin helvétique, Jean-Rodophe Perronet et sa famille suresnoise (1708–1794)" in Les gardes suisses et leurs familles au XVIIe et XVIIIe siècles en région parisienne, p. 108–116.
  • (FR) Yvon Michel, "Jean-Rodolphe Perronet (1708–1794)" in Monuments Historiques, Paris, April–June 1987, nos 150–151, p. 81–86.
  • (FR) Claude Vacant, Jean-Rodolphe Perronet (1708–1794). Premier inégénieur du Roi et directeur de l'École des ponts et chaussées, Paris, Presses de l'École Nationale des Ponts et Chaussées, 2006. 24 cm, 344 p., ill.

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN14798553 · ISNI (EN0000 0000 8015 1845 · LCCN (ENno90009079 · GND (DE124013090 · BNF (FRcb12096154z (data) · BNE (ESXX1068893 (data) · ULAN (EN500017963 · CERL cnp01001649 · WorldCat Identities (ENlccn-no90009079
Portale Architettura Portale Biografie
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Jean-Rodolphe Perronet
Listen to this article