Cittadinanza romana

concetto di cittadinanza nell'antica Roma / Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Lo status di cittadino romano apparteneva ai membri della comunità politica romana, in quanto cittadini della città di Roma (civis Romanus); fuori dall'Italia non era legato all'essere un abitante di uno dei domini romani,[1] almeno fino alla Constitutio Antoniniana, emanata dall'imperatore Caracalla nel 212, che concedeva la cittadinanza a tutte le popolazioni abitanti entro i confini dell'Impero.[2]

(LA)

«Civis Romanus sum»

(IT)

«Sono un cittadino romano»

(Cicerone, In Verrem, II, V, 162. Attribuita anche all'apostolo Paolo, Atti 16,37 e 22,27)
La toga era una tipica veste del cittadino romano