Boom XB-1 Baby Boom - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Boom XB-1 Baby Boom.

Boom XB-1 Baby Boom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione contiene informazioni riguardanti una tecnologia in fase di sviluppo. Il contenuto potrebbe cambiare radicalmente non appena maggiori informazioni saranno disponibili. Per favore, non aggiungere speculazioni alla voce.
Boom XB-1 Baby Boom
Descrizione
TipoVelivolo supersonico di test
Costruttore
Boom Technology
Data primo volo2020 (previsto)
Dimensioni e pesi
Lunghezza20,7 metri (68 ft)
Apertura alare5,2 metri (17 ft)
Peso max al decollo6 100 chilogrammi (13 500 lb)
Propulsione
Motoretre turbogetti General Electric J85
Spinta19 kN (4 300 lbf) ciascuno
Prestazioni
Velocità di crocieraMach 2,2
voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia

Il Boom XB-1 Baby Boom è un aeroplano sperimentale a basso boom sonico in via di sviluppo da parte della Boom Technology in collaborazione con la Virgin Galactic. Il dimostratore tecnologico è un modello in scala 1 a 3, precursore di un velivolo da trasporto civile supersonico da 55 posti (il Boom Overture). Il primo volo di prova è previsto nel corso del 2020 presso lo spazioporto di Mojave in California.[1][2]

Storia del progetto

Il primo volo del dimostratore supersonico XB-1 Baby Boom fu inizialmente previsto nel 2017. La versione iniziale prevedeva l'allestimento con tre motori turbogetto General Electric CJ610 (la versione civile derivata dal motore J85) e una campagna di prove in volo supersonico presso la base militare di Edwards.[3]

Le prime specifiche tecniche furono comunicate il 15 novembre 2016, mentre ad aprile del 2017 la Boom dichiarò di aver raggiunto la necessaria copertura finanziaria per lo sviluppo e costruzione del dimostratore.[4] La prima verifica preliminare del progetto fu completata nel giugno del 2017 e portò all'adozione della versione militare dei motori (J85), in grado di erogare una spinta maggiore; le prove in volo avrebbero dovuto iniziare verso la fine del 2018.[5] Nel 2017, il longherone alare in composito fu provato sotto carico in un apposito forno che manteneva la temperatura di 149 °C (300 °F), al di sopra di quella prevista in condizioni operative. La data prevista del primo volo supersonico fu spostata al 2019.[6]

A luglio del 2018 fu completata la progettazione aerodinamica, costruito il piano orizzontale di coda e acquisiti i motori che nel frattempo avevano cambiato ancora versione e prestazioni, passando dai 16 chilonewton (3 600 lbf) di spinta del J85-21 ai 19 chilonewton (4 300 lbf) del J85-15. La TSC, costruttore dei mezzi della Virgin Galactic, fornirà supporto per le prove di volo presso lo spazioporto di Mojave.[7]

Tecnica

L'XB-1 ha una lunghezza di 21 metri (69 ft), una apertura alare di 5,2 metri (17 ft) ed un peso massimo al decollo di 6 100 chilogrammi (13 400 lb). È equipaggiato con tre motori J85-15 con prese d'aria e ugelli di scarico a geometria variabile in grado di sostenere una velocità di crociera a Mach 2,2 per un raggio operativo di almeno 1 000 miglia nautiche (1 900 km). La fusoliera, costruita con materiali compositi, è caratterizzata da una estesa carenatura anteriore e presenta uno spigolo (chine) che corre longitudinalmente favorendo direzionalità ed aumento di portanza a velocità supersoniche.[8]

Materiali

I materiali resistenti alle alte temperature (fino a 153 °C (307 °F)) dei bordi di attacco delle ali e del muso sono forniti dall'olandese TenCate Advanced Composites, già fornitore di componenti resistenti ad alte temperature per il lanciatore Falcon 9 della SpaceX.

La cellula è costituita principalmente da fibre di carbonio in matrice epossidica, con inserti di fibre ad alto modulo nelle estremità dei longheroni alari e preimpregnati con resina di bismaleimide per i bordi di attacco e le centine soggette alle alte temperature. Il combustibile sarà anche impiegato come pozzo di calore per assorbire il calore smaltito dall'impianto di pressurizzazione e condizionamento dell'abitacolo.[6]

Note

  1. ^ (EN) Can This Jet Bring Back Supersonic Travel? One Startup is Betting $140 Million on It, su robbreport.com, 10 gennaio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Supersonic Airliners Are About to Take Off. Again., Popular Mechanics, 9 gennaio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  3. ^ Potential Mach 2.2 Airliner Market Pegged At $260 Billion, Aviation Week, 12 ottobre 2016.
  4. ^ Aaron Karp, Boom CEO sees market for 1,000 supersonic passenger jets by 2035, in Air Transport World, Aviation Week, 3 maggio 2017.
  5. ^ Guy Norris, ‘Baby Boom’ Demonstrator Passes Design Review, in ShowNews, Aviation Week Network, 18 giugno 2017.
  6. ^ a b Guy Norris, JAL Options Up to 20 Boom Supersonic Airliners, in Aviation Week & Space Technology, 5 dicembre 2017.
  7. ^ Guy Norris, Boom Focuses On Derivative Engines For Supersonic Airliner Plan, in Aviation Week & Space Technology, 10 luglio 2018.
  8. ^ Guy Norris, ‘Baby Boom’ Supersonic Demonstrator Unveiled, in Aviation Week, 15 novembre 2016.
Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Boom XB-1 Baby Boom
Listen to this article