Via dei Georgofili - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Via dei Georgofili.

Via dei Georgofili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Via dei Georgofili
L'ulivo della Pace in via dei Georgofili
Localizzazione
Stato
 
Italia
Città
 Firenze
CircoscrizioneCentro storico
QuartiereQuartiere 1
Informazioni generali
Tipoarea pedonale
IntitolazioneAccademia dei Georgofili
Mappa

Coordinate: 43°46′06.59″N 11°15′06.59″E / 43.768497°N 11.251831°E43.768497; 11.251831

Targa commemorativa dell'attentato di via de' Georgofili
Targa commemorativa dell'attentato di via de' Georgofili
Case in via dei Georgofili
Case in via dei Georgofili

Via dei Georgofili a Firenze è un breve vicolo situato dietro al piazzale degli Uffizi.

Storia

La via prende il nome dall'Accademia dei Georgofili, fondata dall'abate Ubaldo Montelatici nel 1753, che si trasferì nel retro del Palazzo degli Uffizi nel corso dell'Ottocento. Quest'accademia fu la prima in Europa nata per promuovere gli studi sull'agricoltura (georgofilo significa proprio cultore degli studi agrari), e fu sostenuta dal Granduca Pietro Leopoldo che promosse un'ampia riforma agraria. I documenti di questa importante riforma delle attività agricole sono proprio conservati nell'Accademia.

Il 27 maggio 1993 quasi duecento chili di tritolo esplosero da un mezzo parcheggiato in via dei Georgofili quasi all'angolo con via Lambertesca, due mesi prima delle bombe posizionate a Roma presso San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano. Cinque persone vi furono uccise, tra cui una neonata e una bambina di nove anni, e 48 rimasero ferite. Il bersaglio dell'attentato era la Galleria degli Uffizi e il Corridoio Vasariano che proprio qui si dirama verso il Lungarno, ma questi edifici ebbero danni non gravissimi, con la distruzione di alcune tele, anche se i capolavori più importanti erano protetti da vetri che attutirono l'urto. L'Accademia, che ha sede nella Torre Pulci, già abitata dallo scrittore Luigi Pulci, fu seriamente danneggiata. I libri dell'accademia invece furono miracolosamente recuperati.

La strage venne inquadrata nell'ambito della feroce risposta di Cosa Nostra all'applicazione dell'articolo 41 bis che prevedeva il carcere duro e l'isolamento per i mafiosi. Analoghi attentati vennero compiuti nella notte tra il 27 e 28 luglio 1993 a Roma (alle chiese di San Giovanni in Laterano e San Giorgio al Velabro) e a Milano in via Palestro; in quest'ultimo attacco persero la vita altre 5 persone (tre pompieri ed un vigile urbano, intervenuti sul posto, e un immigrato marocchino che dormiva su una panchina).

Oggi le tracce dell'attentato in via dei Georgofili sono visibili nei palazzi ricostruiti, dove sono stati lasciati dei segni che identificano della parte riedificata.
A ricordo della strage è stato posto un "Olivo della pace", con scritte di pace in molte lingue diverse nonché una targa commemorativa con i nomi delle vittime .

Bibliografia

  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.
  • Vedi anche la bibliografia su Firenze.

Voci correlate

Altri progetti

Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Via dei Georgofili
Listen to this article