Luigi Canali (partigiano)

partigiano italiano / Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Luigi Pietro Canali, nome di battaglia Neri ma comunemente chiamato Capitano Neri (Como, 16 marzo 19127 maggio 1945, presumibilmente), è stato un partigiano ed esperantista italiano intellettuale, attivo militante comunista e antifascista. Fu Capo di stato maggiore della 52ª Brigata Garibaldi "Luigi Clerici", vice Comandante del Raggruppamento Brigate d'Assalto Garibaldi Lombardia del Comasco e della bassa Valtellina e Comandante della 1ª Divisione Garibaldi.

«Non ricordo che dei popoli siano riusciti a molto con la sola disciplina. Sono anzi sicuro che senza un substrato nel campo economico, o sociale, o morale, o religioso, nulla di veramente notevole possa attuarsi. Anzi sono convinto che, senza tale substrato, la disciplina non sia altrimenti attuabile che come manifestazione della paura e dell'ignoranza»

(Luigi Canali[1])
Quick facts: Luigi Canali, Soprannome, Nascita, Morte, Cau...
Luigi Canali
SoprannomeCapitano Neri
NascitaComo, 16 marzo 1912
Mortepresumibilmente 7 maggio 1945
Cause della morteprobabile omicidio
Luogo di sepolturaignoto
Dati militari
Paese servitoItalia
CorpoCVL
GradoCapo di stato maggiore
GuerreResistenza italiana
Comandante di52ª Brigata Garibaldi "Luigi Clerici"
Altre caricheRagioniere
voci di militari presenti su Wikipedia
Close

Ebbe un ruolo di primo piano durante i "fatti di Dongo" e nell'esecuzione di Mussolini il 28 aprile 1945. Secondo alcune versioni è ritenuto colui che scaricò due colpi di pistola di grazia sul corpo ormai agonizzante del Duce[2].