cover image

Giuseppe Garibaldi (C 551)

incrociatore portaeromobili della Marina militare italiana / Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

L'incrociatore portaeromobili[3][4] STOVL Giuseppe Garibaldi, matricola C 551[3][5], è un'unità della Marina Militare che prende il nome dal generale del Risorgimento Giuseppe Garibaldi. L'unità è stata la prima portaerei nella storia della Marina Militare ad entrare in servizio attivo dato che due unità portaerei, l'Aquila e lo Sparviero, furono approntate nel corso della seconda guerra mondiale ma non entrarono mai in servizio. La nave ha ricoperto il ruolo prestigioso di nave ammiraglia della Marina Militare dal 1987 al 2011, quando è passato alla nuova portaerei Cavour[6]. Il ruolo di portabandiera della flotta era stato ricoperto dal 1961 al 1971 con lo stesso nome e la stessa matricola, dall'incrociatore leggero rimodernato Giuseppe Garibaldi.

Quick facts: Giuseppe Garibaldi (C 551), Descrizione gener...
Giuseppe Garibaldi (C 551)
La portaereomobili Giuseppe Garibaldi in navigazione nell'Oceano Atlantico
Descrizione generale
Tipoincrociatore portaeromobili
portaerei leggera (STOVL) - antisommergibile[1]
Classeunica
In servizio con Marina Militare
Identificazione551
Ordine21 novembre 1977
CostruttoriItalcantieri
CantiereMonfalcone (GO), Italia
Impostazione26 marzo 1981
Varo4 giugno 1983
MadrinaFlavia Donata Solvetti in Garibaldi
Completamento30 settembre 1985
Entrata in servizio1985
Caratteristiche generali
Dislocamento
  • standard: 10 100 t
  • a pieno carico: 13 850 t
  • Dopo le modifiche 2003: 14 150 t
Lunghezza180,2 m
Larghezza
  • al galleggiamento: 23,4 m
  • al ponte di volo: 30,4 m
Pescaggio6,7 m
Ponte di volocirca 174 m x 30,40m
PropulsioneCOGAG:
Velocità30 nodi (56 km/h)
Autonomia7.000 miglia (13.000 km) alla velocità di 20 nodi
Capacità di carico18 velivoli in totale (12 in aviorimessa e 6 velivoli sul ponte di volo)
Equipaggio550 uomini + fino a 230 addetti componente aerea+ staff Comando per un totale di 830 uomini
Equipaggiamento
Sensori di bordoradar:
  • Hughes AN/SPS-52C in banda E
    (ricerca aerea a lungo raggio 3D)
  • Selenia MM/SPS-768 (RAN-3L)
    (ricerca aerea medio raggio in banda D)
  • Selenia SPS/RAN-10
    (ricerca aerea e di superficie)
  • SPS-702 CORA (superficie)
  • SPN-749 (navigazione)
  • SPN-728 (approccio)
  • RTN-30X
    (tiro per Albatros/Aspide)
  • RTN-10X
    (controllo fuoco per Dardo)
Sistemi difensiviECM/ESM:
Armamento
Artiglieria
Siluri
Missili
Mezzi aereiLinea di volo costituita da 12-18 aeromobili (SH-3D/EH-101 o/e AV-8B Plus)
Note
MottoObbedisco
dati tratti da[2]
voci di portaerei presenti su Wikipedia
Close

La nave ha subito un ammodernamento nel 2003 e una profonda ristrutturazione nel 2013.