Aristide Maillol - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Aristide Maillol.

Aristide Maillol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce o sezione sull'argomento scultori francesi non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti.

Aristide Maillol (Banyuls-sur-Mer, 8 dicembre 1861Banyuls-sur-Mer, 27 settembre 1944) è stato uno scultore e pittore francese.

Biografia

Si trasferì a Parigi nel 1882 e fino al 1886 lavorò nell'atelier di Alexandre Cabanel,[1] specializzandosi nella manifattura dei tappeti e del gobelin. Inoltre, l'esperienza maturata nel lavorare assieme a Paul Gauguin lo aiutò a mettersi in proprio,[1] distaccandosi dall'ambiente accademico. Dai 40 anni in poi si dedicò esclusivamente alla scultura. Fu amico di Étienne Terrus, pittore suo conterraneo, e di Achille Laugé.

Il suo tema preferito fu il nudo femminile visto come ideale di bellezza plastica: le sue donne sono sode, massicce, robuste, di forma classica suggestionato anche dal suo viaggio in Grecia del 1908. Il suo stile si può definire contrapposto per il formalismo e la staticità delle sue figure a quello di Rodin.

Opere

  • Idea, 1900
  • Ile de France, 1901
  • Leda, 1902
  • Flora, 1911, al Museo d'Arte occidentale moderna di Mosca
  • Pomona, 1912
  • Monumento a Cezanne, 1912-1925
  • Venere con la collana, 1930, al Kunsthaus di Zurigo
  • Le tre ninfe, 1936-1938, alla Tate Gallery di Londra

Note

  1. ^ a b le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 180.

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN14228 · ISNI (EN0000 0001 0854 4692 · Europeana agent/base/59853 · LCCN (ENn80015568 · GND (DE118730274 · BNF (FRcb11913991d (data) · BNE (ESXX1072768 (data) · ULAN (EN500001596 · NLA (EN35202089 · BAV (EN495/138842 · NDL (ENJA00448547 · WorldCat Identities (ENlccn-n80015568
Portale Biografie Portale Pittura
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
Aristide Maillol
Listen to this article