cover image

Gli Stati Uniti d'America (comunemente indicati come Stati Uniti, in inglese: United States of America o anche solo United States; in sigla USA[9]) sono una repubblica federale dell'America settentrionale composta da cinquanta Stati e un distretto federale. I quarantotto stati contigui e il distretto di Washington (la capitale federale) occupano la fascia centrale dell'America settentrionale tra il Canada e il Messico e sono bagnati dall'oceano Atlantico a est e dall'oceano Pacifico a ovest. Con 9834000 km² in totale e circa 331 milioni di abitanti, gli Stati Uniti sono il terzo Paese al mondo per superficie e il terzo per popolazione. La geografia e il clima degli Stati Uniti sono estremamente vari, con deserti, pianure, foreste e montagne che sono anche sede di una grande varietà di fauna selvatica. È una delle nazioni più multietniche e multiculturali al mondo, prodotto di larga scala dell'immigrazione da molti Paesi.

Quick facts: Stati Uniti d'America, Dati amministrativi, N...
Stati Uniti d'America
In God We Trust
(in Dio noi confidiamo)
Stati Uniti d'America - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completoStati Uniti d'America
Nome ufficialeUnited States of America
Lingue ufficialiNessuna a livello federale (de iure)[1]
Inglese (de facto)
Altre linguespagnolo,[2][3] francese,[4] lingue amerinde, italiano, cinese, tagalog, vietnamita, coreano, tedesco, persiano, hawaiano, chamorro, inupiaq
Capitale Washington  (705 749 ab. / 2019)
Politica
Forma di governoRepubblica presidenziale federale
PresidenteJoe Biden
IndipendenzaDall'Impero britannico
4 luglio 1776 (dichiarata)
3 settembre 1783 (riconosciuta)
Ingresso nell'ONU24 ottobre 1945[5]
Membro permanente del Consiglio di sicurezza
Superficie
Totale9 834 000 km² ()
% delle acque6,7%
Popolazione
Totale331 449 281[6] ab. (2020) ()
Densità36 ab./km²
Tasso di crescita0,59% (2020)
Nome degli abitantistatunitensi, americani (impropriamente)
Geografia
ContinenteAmerica

Oceania (Stato delle Hawaii)

ConfiniCanada, Messico,

Cuba

Fuso orarioDa UTC-5 a -10
Da UTC-4 a -10 (ora legale)
Economia
ValutaDollaro statunitense
PIL (nominale)22 675 271[7] milioni di $ (2021) ()
PIL pro capite (nominale)62 605[7] $ (2018) ()
PIL (PPA)22 675 271[7] milioni di $ (2021) ()
PIL pro capite (PPA)68 309[7] $ (2021) ()
ISU (2019)0,926 (molto alto) (17º)
Fecondità1,8 (2015)[8]
Varie
Codici ISO 3166US, USA, 840
TLD.us e .gov (solo enti governativi)
Prefisso tel.+1 (in comune con il Canada, per differenziarsi da quest'ultimo gli Stati Federati hanno un proprio prefisso)
Sigla autom.USA
Inno nazionaleThe Star-Spangled Banner
Festa nazionale4 luglio
Stati Uniti d'America - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Tredici Colonie
Stati Confederati (1861-1865)
 
Close

Sono dipendenti dagli Stati Uniti anche alcuni territori organizzati politicamente, i quali non fanno parte di alcuno Stato dell'Unione ma sono soggetti al solo Governo federale. Essi sono: Porto Rico, le Samoa Americane, le Isole Marianne Settentrionali, le Isole Vergini americane e Guam.

Storicamente, i paleoamericani migrarono dall'Asia verso gli odierni Stati Uniti circa 12 000 anni fa. La colonizzazione europea cominciò invece intorno all'inizio del XVII secolo e venne per lo più dall'Inghilterra. Gli Stati Uniti d'America ebbero origine dalle tredici colonie britanniche situate lungo la costa atlantica. Le controversie tra la Gran Bretagna e le colonie sfociarono in un conflitto: il 4 luglio 1776 i delegati delle tredici colonie redassero e approvarono all'unanimità la dichiarazione di indipendenza, che diede ufficialmente vita a un nuovo Stato federale. La guerra d'indipendenza americana, conclusasi con il riconoscimento dell'indipendenza degli Stati Uniti dal Regno di Gran Bretagna, è stata la prima guerra per l'indipendenza da una potenza coloniale europea. La Costituzione fu adottata il 17 settembre 1787 e da allora è stata emendata ventisette volte. I primi dieci emendamenti, collettivamente denominati «Dichiarazione dei diritti» (Bill of Rights), furono ratificati nel 1791 e garantiscono diritti civili e libertà fondamentali.

Gli Stati Uniti intrapresero una vigorosa espansione per tutto il XIX secolo, spinti dalla controversa dottrina del destino manifesto. L'acquisizione di nuovi territori e l'ammissione di nuovi Stati membri causarono anche numerose guerre con i popoli nativi. La guerra civile americana si concluse con l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti. Alla fine del XIX secolo gli Stati Uniti si estesero fino all'oceano Pacifico. La guerra ispano-americana e la prima guerra mondiale confermarono lo stato del Paese come potenza militare globale. Gli Stati Uniti uscirono dalla seconda guerra mondiale come una superpotenza globale, il primo Paese dotato di armi nucleari e come uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Dopo una grave crisi politica e sociale negli anni sessanta e settanta come conseguenza anche della sconfitta nella guerra del Vietnam, che sembrava minare il predominio mondiale statunitense, l'inattesa fine della guerra fredda e la dissoluzione dell'Unione Sovietica negli anni novanta hanno invece riconfermato il ruolo di superpotenza degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti sono un Paese sviluppato, con una stima nel 2021 del prodotto interno lordo (PIL) di 22,68 migliaia di miliardi di dollari (circa il 25% del PIL mondiale a parità di potere di acquisto, a partire dal 2011). Il PIL pro capite degli Stati Uniti è stato il sesto più alto del mondo dal 2010, anche se la disparità di reddito del continente americano è stata anche classificata come la più alta all'interno dell'OCSE e i Paesi dalla Banca Mondiale. L'economia è alimentata da un'abbondanza di risorse naturali, numerose infrastrutture ed elevata produttività. Il paese rappresenta una forza politica guida del mondo occidentale, ed è la prima potenza economica e militare (suo è il 39% della spesa militare mondiale), posizionandosi al primo posto anche nel settore della ricerca scientifica e dell'innovazione tecnologica, ma presenta anche forti contraddizioni interne come uno Stato sociale più debole rispetto a molti altri Paesi sviluppati.

Oops something went wrong: