cover image

Livorno

comune italiano, capoluogo dell'omonima provincia in Toscana / Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Livorno (AFI: /liˈvorno/[7], audio[?·info]) è un comune italiano di 153 127 abitanti[3], capoluogo dell'omonima provincia in Toscana.

Quick facts: Livorno comune, Localizzazione, Stato, Region...
Livorno
comune
Livorno – Veduta
Veduta aerea del centro
Localizzazione
Stato Italia
Regione Toscana
Provincia Livorno
Amministrazione
SindacoLuca Salvetti (indipendente di centro-sinistra[1][2]) dall'11-6-2019
Territorio
Coordinate43°33′N 10°19′E
Altitudine3 m s.l.m.
Superficie104,5 km²
Abitanti153 127[3] (31-8-2022)
Densità1 465,33 ab./km²
FrazioniCastellaccio, Gorgona, Limoncino, Quercianella, Valle Benedetta
Comuni confinantiCollesalvetti, Pisa (PI), Rosignano Marittimo
Altre informazioni
Cod. postale57121–57128
Prefisso0586
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT049009
Cod. catastaleE625
TargaLI
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[4]
Cl. climaticazona D, 1 408 GG[5]
Nome abitantilivornese, livornesi[6]; labronico, labronici[6]
Patronosanta Giulia di Corsica
Giorno festivo22 maggio
Cartografia
Livorno
Livorno – Mappa
Posizione del comune di Livorno all'interno della stessa provincia
Sito istituzionale
Close

Terza[8] città della regione per popolazione (dopo Firenze e Prato), ospita da sola quasi la metà degli abitanti della propria provincia; con i comuni limitrofi di Pisa e Collesalvetti costituisce, inoltre, un vertice di un "triangolo industriale"[9].

È situata lungo la costa del Mar Ligure[10] ed è uno dei più importanti porti italiani, sia come scalo commerciale sia come scalo turistico. Centro industriale di rilevanza nazionale, è però da tempo in declino[11][12], tanto da essere riconosciuta nel 2015 come "area di crisi industriale complessa"[13].

Tra tutte le città toscane è solitamente ritenuta la più moderna[14][15], sebbene nel suo territorio siano presenti diverse testimonianze storiche, artistiche e architettoniche sopravvissute ai massicci bombardamenti della seconda guerra mondiale e alla successiva ricostruzione.

La città, notevolmente sviluppatasi dalla seconda metà del XVI secolo per volontà dei Medici prima e dei Lorena in seguito, fu un importante porto franco frequentato da numerosi mercanti stranieri, sede di consolati[16] e compagnie di navigazione. Ciò contribuì ad affermare, sin dalla fine del Cinquecento, i caratteri di città multietnica e multiculturale per eccellenza, dei quali sopravvivono importanti vestigia, quali chiese e cimiteri nazionali, palazzi, ville e opere di pubblica utilità indissolubilmente legate ai nomi delle importanti comunità straniere che frequentarono il porto franco fino alla seconda metà dell'Ottocento. La vocazione internazionale portò a identificare la città come Leghorn nel Regno Unito e negli Stati Uniti, Livourne in Francia, Liorna in Spagna, ecc., analogamente alle più importanti capitali di Stato dell'epoca[17].

Tra il XIX secolo e i primi anni del Novecento, parallelamente all'avvio del processo di industrializzazione, Livorno fu anche una meta turistica di rilevanza internazionale per la presenza di rinomati stabilimenti balneari e termali, che conferirono alla città l'appellativo di Montecatini al mare[18].

Livorno è sede dell'Accademia navale della Marina Militare, del comando e di due reggimenti della Brigata paracadutisti "Folgore" dell'Esercito Italiano, del 1º Reggimento carabinieri paracadutisti "Tuscania", del 9º Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" inquadrato nelle forze speciali dell'Esercito Italiano e del Gruppo di intervento speciale dei Carabinieri; inoltre, è sede di direzione marittima del Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera.